Concorso “Barbera… da Leggere”: la classifica!

Scopriamo la classifica!

Sì, lo sappiamo, forse al momento questo blog è vagamente monotematico, ma potevamo non rivelarvi la classifica del Concorso “Barbera… da Leggere”? Assolutamente no, dunque eccola qui, insieme con le motivazioni della nostra Giuria:

CATEGORIA A – Letteratura per ragazzi o young adult

  • 1° classificato: Domenico Della Piana, Ero Yanez – Eroi, giovinezza e una Mompracem tra le colline: un racconto dolce e setoso, con una ricerca storica accurata e riferimenti letterari calzanti e suggestivi
  • 2° classificato: Gabriella Mancini, Coccinella, la gatta che sorrideva – Una bella storia di gatti dall’interessante struttura narrativa circolare
  • 3° classificato: Luigi d’Alba – Remigio Passarino, Leon – Una poesia musicale dedicata a un protagonista dell’enogastronomia piemontese: il cane da tartufi

CATEGORIA B – Narrativa

  • 1° classificato: Manuela Chiarottino, Colori tutto intorno – Una scrittura curata e scorrevole. Il racconto delicato ed emozionante del travaglio interiore di un giovane che si confronta con le esperienze di vita, di amore e lotta partigiana del nonno
  • 2° classificato: Claudio Ferraris, La moglie di Clint – Un racconto calato nel contesto geografico ed enogastronomico,
    che tratteggia con dovizia e acume i personaggi e le Colline Alfieri
  • 3° classificato: Alessandro Furlano, Io non sono come voi – Una feroce storia di ragazzi di collina dai toni vividi che ricordano “Stand by me”

MENZIONI:

  • Luigi Camerano, Na vigna a meuir & La vigna neua – Due componimenti preziosi, senza tempo e di…vini,
    scaturiti da un’anima vigorosa e assetata di avventura, bellezza e poesia
  • Luigina Lorenzi Zago, Una nuova vita – Una bella saga familiare che ha già il respiro di un romanzo
  • Guido Rojetti, Ode al vino – Un inno alla Barbera melodioso e onomatopeico, con eco pascoliane

I vincitori delle due categorie (e forse non solo loro 😉 ) saranno “imbottigliati” nelle nostre “Fiaschette” e presentati a novembre in occasione delle rassegne autunnali di San Damiano d’Asti e non solo.

 

In conclusione? Una domenica bellissima

Che cosa rende una premiazione – una giornata – davvero di…vina? Le risposte sono molteplici, soggettive e tutte valide, ma la nostra ricetta ideale prevede: una mattina di sole e cielo terso, un luogo del cuore, tante parole scritte, lette, cantate e assaporate, una compagnia speciale che comprende, condivide, supporta e amplifica il nostro entusiasmo e il nostro lavoro – il lavoro più bello del mondo, secondo noi – e… un sorso di Barbera!

Quindi grazie, ancora una volta, a chi era presente di persona o con il pensiero, alla città di San Damiano e a tutto lo staff della “Barbera Incontra”, ai nostri autori, alla Giuria, a tutti coloro che hanno reso possibile il 17 giugno e il nostro viaggio, dando forza alle nostre ali di farfalla.

Buendia e… a presto!

Concorso “Barbera… da Leggere”: la classifica!
Tagged on: