Psicoporno

Psicoporno

 15,00

Prenota in libreria o negli store on line il formato cartaceo!

Psiche, armata di lanterna, erra alla ricerca dell’amore o della libertà, ma sulla strada incontra le perversioni del caso.
Dodici racconti come prove di Afrodite per riflettere sull’incontro con Eros

Presto anche in ebook!

Descrizione

Psicoporno. Dodici racconti alla ricerca di Eros
di Valeria Bianchi Mian, Debora Riva, Laura Salvai

Da maggio in libreria

ISBN: 978-88-31987-54-7
Pagine: 204

Una psicoterapeuta junghiana, una psicologa che ha scelto di dedicarsi all’universo dell’Underground, una psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, nonché sessuologa, si addentrano nel mondo liminale del desiderio più nero, oltre la soglia di una moderna “fiera delle atrocità” dal sapore ballardiano, con una punta di ironia, alla ricerca di Eros.

Le tre autrici vanno a tessere dodici racconti di sangue e muscoli, di pelle e latex, narrando i rituali sadici e masochistici, i giochi onanistici dell’Io e le relazioni che si intrecciano nel mondo sommerso dei disturbi parafilici, delle condotte criminali, della voluttà più estrema, del desiderio squisitamente umano, per offrire a chi legge una panoramica di casi letterari, più che clinici.

Dodici storie che aprono sipari inusuali sulla sessualità, un invito a mettere da parte le convenzioni. Permane, però, lo sguardo che accoglie la sessualità come organizzatrice della vita relazionale, energia positiva creatrice di senso e piacere.

Eros riderà di sé stesso in racconti come Memorie di un dildo, ma nel buio il dio si trasformerà in potere inflitto o negato, distruzione e autodistruzione, come in Feedee.

Eros è il dio che si cela nell’ombra quando Psiche ne svela le fattezze. Mentre lei lo cerca, lui vive nel supplizio dell’oggetto d’amore. Nelle oscurità ribollenti in fondo all’animo umano si muove come creatura bramosa, fatta di energia attrattiva e repulsiva.

In appendice un glossario delle parole-chiave.

Illustrazioni interne di Valeria Bianchi Mian, contributi artistici di Debora Riva e Laura Salvai.

Psicoporno